Pelle e patologie autoimmuni: quali alimenti utilizzare

Per avere una bella pelle è necessario che l’intestino sia in equilibrio così da ridurre l’infiammazione.

E’ molto importante approcciarsi al pasto con serenità e masticare lentamente.

La pelle è quell’organo che riflette all’esterno, ciò che succede all’interno del nostro corpo.

In caso di una patologia autoimmune, la pelle è maggiormente stressata. Per cui è importante l’assunzione di alimenti che possano nutrirla.

Inoltre se ci sono condizioni di iperglicemia ed insulino resistenza, le cellule della pelle non riescono a produrre collagene.

E’ opportuno utilizzare alimenti che migliorino il microcircolo e, quindi l’apporto di nutrienti alle cellule della pelle.

Per cui sono da prediligere alimenti ricchi:

– in nitrati

– in flavonoidi

– in bromelina

– in vitamine e minerali

 

𝗤𝘂𝗮𝗹𝗶 𝗮𝗹𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗲𝗻𝗴𝗼𝗻𝗼 𝘁𝗮𝗹𝗶 𝗻𝘂𝘁𝗿𝗶𝗲𝗻𝘁𝗶?

➡️ il brodo di ossa, ricco in acidi grassi che favoriscono la formazione di collagene;

➡️ curcuma, rosmarino, coriandolo, zenzero;

➡️ cetriolo, fonte di silicio e supporto per la produzione di collagene;

➡️ avocado ed asparagi, per la presenza di glutatione, un potente antiossidante;

➡️ fegato, per la ricchezza in vitamina A, D e zinco;

➡️ verdure a foglie verdi e bianche per il contenuto in catechine;

➡️ verdure giallo-arancio, per il contenuto in carotene;

➡️ i capperi, per la presenza della quercetina;

 

 

 

 

Inoltre può essere di grande aiuto anche l’allenamento dei muscoli facciali.

 

 

 

 

Condividi

Facebook
LinkedIn

Lascia un commento

Leggi anche...

Patologie

La resistenza insulinica

La resistenza all’insulina è una condizione che sta crescendo sempre di più nella popolazione. Si stima che 1 individuo su 3 sia insulino-resistente, e che

Leggi Tutto
salute e benessere

L’insonnia

Il 15 % della popolazione modniale più di un miliardo di persone soffre di insonnia. Tutto questo dipende dai ritmi quotidiani che abbiamo, e che

Leggi Tutto
salute e benessere

Il sonno

Cosa è il sonno? Per la maggior parte delle persone, la risposta può sembrare banale e scontata, “quando si dorme”. In termini più scientifici, il

Leggi Tutto