Sjogren

La sindrome di Sjogren è una patologia autoimmune.

Le zone maggiormente colpite sono le ghiandole salivari e lascrimali, le quali hanno una riduzione della secrezione di saliva e liquido lacrimale che provoca secchezza agli occhi e alla bocca.

Sia la saliva che le lacrime hanno la funzione di proteggere rispettivamente bocca ed occhi.

➡ 𝗜 𝘀𝗶𝗻𝘁𝗼𝗺𝗶 𝗮 𝗰𝗮𝗿𝗶𝗰𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗰𝗮𝘃𝗼 𝗼𝗿𝗮𝗹𝗲 𝘀𝗼𝗻𝗼:

– carie e malattie gengivali

– tosse secca

– difficoltà a deglutire e a masticare

– voce rauca

– difficoltà a parlare

– ghiandole salivari gonfie

– infezioni fungine

➡ 𝗜 𝘀𝗶𝗻𝘁𝗼𝗺𝗶 𝗮 𝗰𝗮𝗿𝗶𝗰𝗼 𝗱𝗲𝗴𝗹𝗶 𝗼𝗰𝗰𝗵𝗶 𝘀𝗼𝗻𝗼:

– bruciore o dolore

– prurito

– la sensazione di avere sabbia negli occhi

– palpebre irritate e gonfie

– sensibilità alla luce

– occhi stanchi

– secrezioni di muco

Esistono due tipi di Sjögren :

    • primaria, se si sviluppa in persone che non hanno altre malattie autoimmuni;

      • secondaria se si manifesta in combinazione con un altro disturbo autoimmune come il lupus o l’artrite reumatoide;






      Cosa fare dal punto di vista alimentare?

      🥄  evitare di mangiare cibi dolci poiché aumenta il rischio di carie;

      🥄  non bere alcol;

      🥄  aumentare il consumo di liquidi, soprattutto acqua per ridurre la secchezza della bocca;

      🥄  stimolare la produzione di saliva con succo di limone;

      🥄  attenzione ai livelli di vitamina D, che favorisce una corretta lubrificazione dell’occhio;

      🥄  privilegiare verdure a foglia verde;

      🥄  semi di lino, girasole, sesamo;

      🥄  frutti di bosco e carote per il contenuto in retinolo;

      🥄  olio extravergine d’oliva;




      Sei affetta dallo Sjogren?

      Clicca qui per scaricare la guida alle patologie autoimmuni

      Condividi

      Facebook
      LinkedIn

      Lascia un commento

      Leggi anche...

      Microbiota

      Connessione tra microbiota intestinale e tiroide

      Il microbiota intestinale svolge un ruolo importante nel mantenere l’equilibrio gastrointestinale, nella depressione, nelle malattie neurodegenerative, nelle malattie cardiache, nell’obesità, nel diabete, nei disturbi immunitari

      Leggi Tutto